Menu Commerciale

Postura e impegno prossimale

Postura prossimaleVarie attività lavorative impegnano gli occhi a distanza ravvicinata mentre il corpo si trova in una postura statica: lo studente sul banco di scuola, l’impiegato alla scrivania dell’ufficio, il tecnico al pezzo da controllare…

Ciò comporta un impegno sostenuto e in grado di provocare sintomi disturbanti. Diversi studi hanno approfondito le modalità per permettere una riduzione dell’affaticamento visivo e dei disturbi posturali indotti da una prolungata attività prossimale. Tali studi hanno fornito indicazioni concrete, utili a livello preventivo. Eccone una sintesi:

  • La distanza ottimale di lettura e di scrittura è quella che separa il gomito e la prima falange del dito medio. E’ nota come distanza di Harmon e corrisponde a circa 35/40 cm per l’adulto e a circa 25/30 cm per il bambino
  • Affinchè la distanza di Harmon sia mantenuta correttamente è opportuno leggere utilizzando un piano inclinato (leggio per la lettura e supporto rigido per la scrittura) con un’inclinazione di circa 20°. Il leggio garantisce, insieme alla corretta distanza tra gli occhi e il piano di lavoro, il mantenimento di una postura adeguata della schiena, del collo e delle spalle
  • Il tavolo di lavoro deve avere un’altezza funzionale alla statura individuale; per questo la sedia va regolata in modo opportuno, curando che i piedi siano comodamente appoggiati al pavimento. La sedia va regolata in modo opportuno affinchè l’appoggio lombare riduca il carico della colonna vertebrale e il sedile (meglio se a forma concava) permetta un’adeguata distribuzione del peso esercitato dal corpo
  • Per ridurre l’affaticamento visivo, modulare l’illuminazione ambientale e quella sul banco di lavoro per avere una luce moderata e che non induca riflessi fastidiosi. Durante la scrittura, la fonte di illuminazione si dovrà trovare dalla parte opposta rispetto alla mano con cui si scrive, evitando così che si formino ombre sul foglio con la conseguente assunzione di posture anomale per cercare di vedere ciò che si sta scrivendo.

Le regole da seguire per l’adeguata postura (visiva e corporea) da mantenere durante le attività prolungate al videoterminale sono riportate alla sezione Prevenzione visiva al computer della sezione "Computer e visione".